Berti Garzelli Rossana - Arte Mediterranea

Vai ai contenuti

Berti Garzelli Rossana

Artisti 2021
cliccando sulle icone si può ingrandire l’immagine per vedere meglio i dettagli dell’opera
Opere
1 installazione natura coprente
2 installazione natura riflettente
3 Formazione II cacao gesso colorato su tela 80 x 40
4 Profilo Femminile caffè su carta 50 x 70

Rossana Berti Garzelli
, nata a Livorno nel 1949, si è formata artisticamente alla Libera Accademia Trossi Uberti della sua città ed ha frequentato la facoltà di Scienze Politiche di Pisa. Ha iniziato molto presto a viaggiare ed il suo interesse per la sociologia ed antropologia culturale l’hanno portata ad interessarsi alle culture extra-europee ed operare in vari Paesi come insegnante di discipline letterarie ed artistiche; ha inoltre promosso e curato varie iniziative culturali a livello nazionale ed internazionale. Da 30 anni è iscritta all’Associazione Donne Nazioni Unite di Vienna dove ha per 8 anni ha ricoperto la carica di Presidente e Vice-Presidente dell’Associazione in Sudan ed in Ghana e per 2 anni Presidente dell’Associazione Donne Italiane in Tunisia. Attualmente partecipa alla campagna di raccolta fondi per finanziare progetti di sviluppo per migliorare la condizione socio-sanitaria dell’infanzia e della donna dei Paesi più svantaggiati sensibilizzando il grande pubblico attraverso alcune iniziative culturali-artistiche che mettono in evidenza le problematiche etiche ed ambientali del nostro contemporaneo. In questo ultimo decennio, l’artista ha voluto inoltrarsi in un cammino che l’ha portata ad utilizzare sempre di più gli elementi naturali e commestibili per creare lavori dove il tema ecologico è predominante; le opere diventano così intrise di elementi olfattivi e tattili oltre a cromaticità diverse e le forme si adattano al materiale usato. Come si vede negli ultimissimi lavori, l ’opera esce dalla sua collocazione bidimensionale e viaggia in uno spazio libero, si posa su altri elementi del vissuto quotidiano e della cultura e contaminandolo diventa tridimensionale. Essa perde il suo significato iniziale ma adattandosi alla nuova realtà che incontra diventa “INSTALLAZIONE ENUNCIATIVA”. Queste opere, cariche di pigmenti naturali e commestibili creano nuove plasticità che cambieranno con il variare delle forme degli oggetti sulle quali si poseranno per suggerire nuove architetture dove la natura e l’est-etica saranno le protagoniste.
Naturalmente potranno esibirsi anche su di una passerella portate da modelle e modelli che indossandole le impreziosiranno con le loro gestualità facendole diventare “OPERE VIVENTI EST-ETICHE ED ECO SOSTENIBILI-”.
Per conoscere la biografia dell’artista e la sua esperienza espositiva visitare: il suo sito:
                                             
Torna ai contenuti