IAA/AIAP UNESCO - Arte Mediterranea

Vai ai contenuti

Menu principale:

IAA/AIAP UNESCO

Le origini della AIAP-IAA

Si deve partire dalla terza Conferenza generale dell'UNESCO nel 1948, tenutasi a Beirut, in Libano, per capire le origini della IAA. Fu in quella occasione, infatti, il Direttore Generale fu incaricato di condurre un'indagine ai fini del sondaggio dell'Unesco per evidenziare gli ostacoli sociali, economici e politici, che hanno ostacolato il percorso degli artisti nell'esercizio della loro arte.
Il Direttore Generale è stato anche sollecitato ad intervenire con raccomandazioni a favore degli artisti riguardo le condizioni di lavoro da attuare per garantire la loro libertà di creazione. La Conferenza Unesco nella sua sesta sessione, nel 1951, ha incaricato il Direttore Generale di organizzare una conferenza internazionale che studiasse le condizioni di lavoro e la libertà degli artisti in diversi paesi, e proporre modi per collegare gli artisti più strettamente al lavoro dell'Unesco.
Di conseguenza, nel 1952, nel corso di una conferenza artisti tenutosi a Venezia, 21 governi e 48 artisti di associazioni provenienti da 19 paesi, si sono pronunciati a favore della creazione di un associazione internazionale di pittori, scultori e incisori.
Un Consiglio è stato formato, sotto la presidenza di Gino Severini (Italia), e un segretariato aperto per l'Unesco House.
Nel 1954, in occasione dell'Assemblea Plenaria della neonata Associazione per la prima volta, sono stati annunciati i principali obiettivi della IAA. 18 paesi erano presenti a questo primo incontro (con i Comitati nazionali già istituiti) che hanno preso parte, oltre a osservatori provenienti da 22 altri paesi. Artisti come Mirò, Delaunay, Matta, Calder, Pasmore Soto, Braque, Hartung, Laurencin, Vasarely, Moore, Lurcat, Masson, e gli altri, hanno partecipato a questo lavoro e hanno lasciato il segno. Fin dalla sua istituzione, la IAA-AIAP Unesco ha lo status ufficiale di ONG partner con status consultivo.
In seguito è stata istituita la Giornata Mondiale del Arte in occasione della 17^ Assemblea Generale a Guadalajara (Messico). Questa risoluzione è stata all'unanimità accettata dall'Assemblea Generale.
Da quella data, il 15 aprile, anniversario della nascita di Leonardo da Vinci, la Giornata Mondiale Arte è stata celebrata in tutto il mondo Quest'anno, 40 paesi hanno partecipato a questo evento.
Il 2015 sarà ricordato come l'anno in cui è nato il movimento per il riconoscimento dei diritti degli  Artisti italiani.
Il 15 ottobre 2015, infatti, AIAPI è stata nominata Rappresentante Italiana di International Association of Art / Association Internationale des Arts Plastiques - IAA/AIAP, partner ufficiale di UNESCO. AIAPI, l'Associazione Internazionale Arti Plastiche Italia, fondata da quattro professionisti da tempo impegnati nell'ambito dell'arte contemporanea, ha come scopo principale la difesa e il riconoscimento dell'attività di Artista come professione vera e propria, che possa essere sostenuta e promossa anche dal Governo italiano come accade in molti Paesi del mondo.
Intento primario di AIAPI è creare circuiti virtuosi nei quali gli Artisti possano riconoscersi e possano trovare un luogo di confronto serio con professionisti realmente interessati alla loro realtà.
Una delle iniziative più innovative del movimento internazionale di IAA/AIAP è la Professional Artist Card, la tessera riservata esclusivamente agli Artisti.
La Professional Artist Card è emessa in esclusiva per l'Italia da AIAPI in nome di IAA/AIAP, Official Partner UNESCO.
La tessera consente entrate gratuite, sconti e attenzione dedicata ai professionisti del settore delle arti
visive, è riconosciuta e accettata in molti musei e istituzioni in tutto il mondo (Louvre, Musée d'Orsay, Orangerie a Parigi, Martin Gropius Bau a Berlino, Musées Royaux des Beaux Arts de Belgique a Bruxelles) ed è un importante riconoscimento per la ricerca artistica e personale e per l'educazione all'arte nella vita degli Artisti.
AIAPI è costantemente impegnata nell'attività di sostegno per gli Artisti. Quello di AIAPI è un continuo 'work in progress' perché la Tessera dell'Artista e la professione di Artista ottengano sempre maggiore riconoscimento, perché l'arte e la cultura sono il vero patrimonio dell'umanità; l'Italia, con la sua grande storia, la sua incredibile arte e la qualità della sua cultura potrà essere la maggiore rappresentante del rispetto e del sostegno del lavoro dei suoi Artisti, che portano l'immagine della eccellenza italiana in tutto il mondo.
 
-Susanna Viale Presidente del Comitato italiano IAA/AIAP-Unesco-
 
 
 
 
 
IAA/AIAP UNESCO
AIAPI, Associazione Internazionale Arti Plastiche Italia è la rappresentante unica in Italia di IAA/AIAP UNESCO.
La International Association of Art, IAA/AIAP è una NGO (organizzazione non governativa) che lavora in partnership con UNESCO, con status consultivo, composto da artisti essenzialmente provenienti dal settore della pittura, della scultura, della fotografia e artisti che operano in altre forme di lavoro creativo nell'ambito delle arti visive.
L'Associazione intende stimolare la cooperazione internazionale tra gli artisti di tutti i paesi, nazioni o popoli e promuovere la posizione economica e sociale degli artisti a livello nazionale e internazionale, oltre che difendere i loro diritti materiali e morali.
La struttura di IAA/AIAP è simile a quella dell'UNESCO.
Consente e facilita tutte le forme di lavoro nelle arti e nelle professioni artistiche tra gli artisti attraverso incontri, seminari, mostre in un ideale di pace, tolleranza e condivisione.
IAA/AIAP discute e struttura proposte che vengono trasferite agli stati membri governati dall'UNESCO.
Un Diritto Umano da introdurre nelle Costituzioni Nazionali.
CF Newsletter N° 5: www.aiap-iaa.org/arts.education.htm
"IAA chiama alla mobilitazione di tutte le pratiche artistiche e tutte le strutture (scuole di arte, danza, musica, teatro, associazioni, istituzioni, musei, orchestre, teatri, ecc) allo scopo di introdurre nelle Costituzioni Nazionali — in tutte le nazioni dove la struttura giuridica consente questa procedura — un articolo che renda obbligatoria l'Educazione all'Arte.
IAA insiste sul fatto che l'Educazione all'Arte non deve essere una parte del diritto all'Educazione, ma deve apparire come un articolo ben distinto. Un articolo a pieno titolo!
Attraverso i questionari ricevuti da UNESCO sulla la preparazione del programma dopo il meeting di Pilsen nell'ottobre del 2015, IAA ha già suggerito che l'Educazione all'Arte deve essere considerata come uno dei Diritti Umani
Torna ai contenuti | Torna al menu