Castellucci Roberto - Arte Mediterranea

Vai ai contenuti

Castellucci Roberto

Artisti 2021
cliccando sulle icone si può ingrandire l’immagine per vedere meglio i dettagli dell’opera
Opere
Outing: tecnica mista 2019
Fragola: acrilico multistrato 20215
Rosa: acrilico su tela 2015
 
Contatti
castellucci.roberto@yahoo.it
 
Roberto Castellucci, nato a Sora nel 1964, consegue la laurea in Scienze Politiche a Roma, città dove tuttora lavora e risiede con la famiglia. Roma è il luogo dove conosce artisti di fama nazionale e internazionale e, frequentandone gli studi, comincia ad appassionarsi all’arte contemporanea. Il percorso artistico si arricchisce con la frequentazione assidua di due amici, il Maestro Paolo Calvino, del quale apprezzerà l’onestà artistica e l’amore per la natura, e il compianto Maestro Remo Di Demetrio, profondo conoscitore dei movimenti culturali del ‘900 e preziosa guida nell’uso dei materiali. Dopo un periodo di riflessioni e di sperimentazioni, esordisce in una mostra collettiva di pittura tenuta presso il circolo ricreativo della Banca d’Italia nel 2006. La prima personale si svolge, alla presenza del prof. Bonito Oliva, all’Hotel Eurostars Roma Congress, nel gennaio 2007. Vince, in giugno, il premio della critica nel “Concorso Internazionale della Città di Porto S. Elpidio” e, in occasione del Premio San Crispino, la selezione per esporre a Bratislava. In dicembre, sempre 2007, espone in una personale a Villa Brasini a Roma. Nel 2008 vince la selezione per il “Premio Città di Fondi”. Nei primi mesi del 2009 comincia la collaborazione con la scrittrice greca Barbara Athanassiadis per l’illustrazione delle sue opere. Una malattia lo tiene in quiescenza artistica fino al 2011, anno che segna il ritorno all’attività. Il 2015 segna la ripresa di una fervida attività artistica e nella comunicazione in genere: dopo la partecipazione con una propria opera al progetto dell’Associazione Mais per la costruzione di case famiglia in Sudafrica, il 25 giugno tiene una personale, presso l’Hotel Art di via Margutta a Roma. Settembre 2015 rappresenta invece l’inizio dell’attività di diffusione del proprio pensiero riguardo sia alla concezione dell’arte e sia, più in generale, alla sua filosofia di vita. Il 25 settembre infatti tiene una relazione alla Biblioteca Nelson Mandela di Roma nell’ambito di un convegno organizzato dalla Scuola di Psichiatria del Policlinico Umberto I di Roma sul tema “La resilienza”. Di seguito, nel 2016, l’artista partecipa con propri contributi al congresso medico “Detox”, in Roma, sulle carenze alimentari, al volume “Chef in tacco 12 – cucina ciociara” della Chef Emanuela Crescenzi, al volume del prof. Maurizio Lozzi “Memoria e culto dei santi patroni in provincia di Frosinone” e alla presentazione del romanzo “Uomini virtuali” della scrittrice Patrizia Sorcinelli. Tra gli impegni del 2016 si segnalano il superamento delle selezioni per le biennali d’arte di Frosinone e Viterbo, delle selezioni della Triennale di arti visive di Roma e la vincita del 1° Grand Prix Des Arts Visuels di Cannes. A novembre, nell’ambito del Premio Art-e 2016 tenuto a Veroli (FR), tiene un intervento per gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Frosinone e contestualmente comincia la collaborazione con il locale MACO MUSEUM, inaugurato poi ufficialmente nel 2018. Più volte, in tale contesto svolge funzioni di giurato per i concorsi artistici banditi nell’ambito dell’attività museale. Nel 2017 fonda, insieme a Luciano Costantini (Presidente dell'Accademia delle Arti) e a Massimo Rossi Ruben (critico d’arte), la rivista “inArt-e”. Nominato Vice Direttore della stessa, scrive articoli a sostegno degli artisti emergenti ed effettua interviste a esponenti di diverse discipline artistiche (tra i quali Ennio Morricone, Josè Dalì, Fabrizio Garimberti, Mario Tozzi, Alessia Gazzola…). Dal 2017 collabora e scrive per “ConosciAmoRoma”, associazione culturale che si impegna nella divulgazione della cultura e dell’arte a Roma. A febbraio del 2017 partecipa al Festival di Sanremo in qualità di coautore (in collaborazione con Massimiliano Mancini) e illustratore del libro “L’altra faccia della luna” (Mancini Editore), romanzo storico ambientato nel Lazio del 1943. Nel 2018 ha inizio la collaborazione con MF Eventi, partecipando a varie commissioni di giuria (la prima è in occasione del concorso artistico “Hic et nunc”, organizzato presso il Centro culturale egiziano di Roma). A giugno 2018 partecipa, in veste di relatore con un intervento dal titolo “Il colore del dolore”, alla presentazione del volume “Il dolore ascoltato”, Mancini Editore, evento organizzato dall’Associazione “Valerionelcuore” presso il palazzo della Provincia di Frosinone Il 15 dicembre dello stesso anno partecipa in qualità di giurato al “Premio arti visive contemporanee Art-e di Veroli” (FR). A marzo 2019 comincia la collaborazione con la rivista digitale “Eventi Culturali Magazine”. Il 10 maggio partecipa in qualità di giurato al Concorso “Dipingere e Fotografare la notte”, organizzato dal Comune di Lariano (RM). Il 30 giugno tiene un intervento a Nemi nell’ambito della “Biennale Internazionale di Arte Contemporanea”. L’11 ottobre presenta e recensisce il Maestro internazionale Mario Salvo alla Art Luxury Gallery di Milano. A dicembre espone una serie di 15 opere presso la “Galleria Bongiovanni” di Bologna. Il 2 ottobre 2020 presenta un contributo critico alla inaugurazione della mostra del Maestro internazionale Mario Salvo, presso la galleria romana “Area contesa”, ripresa dalla televisione privata Arte24. A novembre comincia la collaborazione con il quotidiano “Ciociaria Oggi” in qualità di curatore della rubrica settimanale “Arte e colore”. Il 19 febbraio 2021 è giurato presso il “Museo Venanzo Crocetti” di Roma in occasione del “Premioarteborgo”. A marzo comincia la collaborazione con la rivista “Rinascimento Magazine” e con la rivista digitale “Celebre Magazine”. Il 22 marzo si iscrive all’Ordine dei Giornalisti come giornalista-pubblicista. In aprile è presente con una propria opera pittorica sulla copertina della raccolta di poesie di Catia Simone dal titolo “Prima che vengano a prendermi”. A maggio partecipa, in qualità di relatore e giurato, alla “Biennale Internazionale d’Arte dei Castelli Romani” a Nemi. A giugno è presente con una propria opera pittorica sulla copertina del romanzo di Ippolita Di Lecce “La candida Rosa” (PAV Edizioni), del quale è anche curatore. Comincia, sempre a giugno, la collaborazione con la rivista digitale “Il Masaniello Magazine”. Il 25 luglio partecipa come relatore alla conferenza su “La stasi dell’Arte” nell’ambito della prima edizione della Biennale Internazionale d’Arte di Fondi. Sempre da luglio comincia la collaborazione con la rivista digitale “Monaco Women”.
Torna ai contenuti