Giuliano Pinella - Arte Mediterranea

Vai ai contenuti

Giuliano Pinella

Artisti 2021
cliccando sulle icone si può ingrandire l’immagine per vedere meglio i dettagli dell’opera
OPERE
1 - La luce nella morte - olio su lino 60x80
2 - Attio j, - olio su lino 60x80
3 - Giocando con i supereroi ho trovato il vero Supereroe - olio su lino 80x100
4 - Farfallina con Ape e Passiflora - olio su lino 80x100
Giuliano Pinella
E' nata nel '54 a Catania dove vive ed opera, ha conseguito il diploma presso il Liceo Artistico; Laureata all'Accademia di Belle Arti di Catania con 110 e lode; Abilita all'insegnamento del disegno, pittura e storia dell'arte..
Ha svolto intensa attivita' artistica partecipando a rassegne nel territorio e aderendo a selezionati inviti in Italia e all'estero, tra i quali:
Settembre 2020  Collettiva NEXT Spazio Espositivo La Cantina Villa Comunale Viagrande CT
Settembre 2019  Collettiva Ingenim Belvedere Niscemi CT
Settembre 2018 Premio Mario Tortelli Palazzo Comunale Militello Val Di Catania CT
Maggio 2018 Pinella Giuliano e i cento cavalli- Personale Museo dell’uva e del vino Comune di Sant’Alfio CT
Febbraio 2018 La luna e i giocattoli –New'Imprint 67/17 -  Palazzo Comunale - Acireale CT
Settembre 2017  "Il Fiore Della Vita" New'Imprint 67/17 Palazzo Ducale Gela
Settembre 2017    Sperone Arte 2017New'Imprint 67/17 -  Gela
Giugno 2017   Personale - Castello Normanno - Acicastello (CT)
Maggio 2017 Festival International Art - Ipso Art Gallery - Perugia
Febbraio - Marzo 2017    Stupor Mundi - Museo Diocesano e Palazzo Vescovile - Melfi
Dicembre 2016   Festival International Art - Palazzo TurrisiGrifeo di Partanna - Valverde (CT)
Dicembre 2016  Veritas Feminae - Sale espositive di Villa Bernasconi - Cernobbio (CO)
Ottobre 2016    Associazione i 2 Colli - Premio G.L.G. Byron - Museo Capitolare Diocesano - Terni
Ottobre 2016     "Artemediterranea" Sopra le Logge Pisa
Marzo/Aprile 2016     "Svelata" Cell 63 Berlino
Gennaio 2016      Galleria la TelacciaArte Fiera Innsbruck
Settembre 2015   Artika Eventi Museo Casa dei Carraresi Treviso
Settembre 2015  Mostra di arti figurative Museo Diocesano di Terni- Terni
Aprile 2015  Sei Artisti per sei Regioni La Telaccia Torino
Dicembre 2014  Mostra di Natale Raccontarsi La Telaccia Torino
Maggio 2014   La Grande Bellezza Museo Mit Torino
Ottobre 2013  Galleria Zerouno Fondazione De Nittis "Magia Liberarta". - Barletta
Novembre 2012  Nel segno il perchè di sempre Centro Culturale Zerouno Fondazione De Nittis Barletta
Settembre 2010 Riflettendo sul mondo reale Centro Culturale Zerouno- Barletta
Giugno 2010 VentiPerVenti 2010 IV edizione OFFICINA CREATIVA LINEAD’ARTE - Napoli
Aprile 2010"24 ore" Fondazione De Nittis Barletta
Marzo 2010 Premio di Afrodite Palazzo Valmarana Braga Vicenza
Marzo 2010 "Artisti con il cuore" sala Italo Calvino Sanremo
Febbraio 2010 Premio Don Fabio Leonardis Terni
Giugno 2009 Galleria Cassiopea, Roma
Aprile 2009 Mostra Internazionale 2009, Torino
Febbraio 2009 Mostra Art Raw Gallery, New York
Marzo 2005 Scuola Siciliana Caveau La Rose, Zurigo
Dicembre 2004 Autotipie - Chiesa di San Cataldo, Palermo
Febbraio 2003 Chiesa Mater Misericordiae, Palermo
Agosto 2001 Galleria Boeri, Salsomaggiore Terme PR
 Gennaio 2000 Villa Leonardi, Francoforte
Novembre 9941.mo Incontro con la pittura, Comune di Mascalucia CT
Agosto 99 Galleria Boeri, Salsomaggiore Terme PR
Giugno 99 Vito'sBiergartenMeerbusch, Germania
Marzo 99 Galleria Comunale, S. Agata Li Battiati CT
Gennaio 99 Galleria Arte Club, Catania
Settembre 98 Sala Comunale BergoiteKon, Ziirich
Gennaio 98 Keller Galene, Zurich
Settembre 97 Nuova Sede Settimanale ECO, Basilea
Settembre 97 Universiadi Chiesa dei Benedettini, Catania
Settembre 97 Expo Palermo, Arte Contemporanea
Giugno 97yo Artisti -per il Circo Chirzie, Arte Gilda Roma
Maggio 97 Giardini della Solfatara, Roma
Maggio 97 Expo Roma, Arte Contemporanea
Febbraio 97 Arte in Arte tra figurativo e informale, Il Cortile Catania
Dicembre 96 Barocco in Sicilia, Mostra Itinerante Ginnasio Noto
Maggio 96 Cultura Umanità e Territorio, Lions Club Adrano
Maggio 95Arte Grafica, Comune di Brisighella
La sua opera "Altar" fa parte della collezione del TelesiaMuseum di San Roberto (Reggio Calabria)
Presente nel blog Il Garufi colori e nelle pagine del Museo virtuale La casa del Sogno Antico, entrambi curati da Prof. Salvo Garufi.
Catalogo "Pinella Giuliano" Pubblicazione Mondadori edizione Youcanprint Agosto 2017
Ha illustrato numerosi libri, tra i quali:
"Il silenzio del ficodindia" di Leopoldo Flumini Edizioni Incontri;
"Quel viaggio nello spazio" Edizioni Incontri "I costumi sessuali nel mondo", Aldo Motta Edizione Greco.
Le sue mostre sono state apprezzate in numerosi interventi della critica e della stampa nazionale ed estera.
 
pinellagiuliano@yahoo.it
 
critica di Aldo Motta   Giornalista e scrittore
Il simbolismo, in pittura ma anche nel vasto universo dell'Arte, ha la sua ragione d'essere se ben supportata da una coerente ricostruzione del nascosto che ne qualifichi il significato e la stesura. È il riporto alle dimensioni del racconto esplicito. Nelle tele di Pinella Giuliano, espressasi in origine sotto i grovigli segnici e coloristici della tradizione informale, c'è il bisogno disperato di uscire dalla stretta di una figurazione generica, di ottimistico anche se dilacerato espressionismo in cui restano chiusi tanti artisti formatisi al tempo delle dogmatiche contrapposizioni fra realismo ed astrattismo.
Spogliatasi dalle scorie delle accese e ripetitive costruzioni astratte, acquisendo una immagine critica al limite con la tensione poetica, la Giuliano approda nella sua "ragion visionaria", in una dimensione eminentemente simbolica, del tutto atemporale, non definibile attraverso determinazioni di luogo o di situazione. È questo il segno che l'artista ha assunto superando il rischio della contraddizione e della arrogante banalità, un rischio tutto moderno, ove stagna la pacata indifferenza o acritica accettazione degli schemi fissi, narcotizzati, vacui del comportamento sociale, quotidiano. Della quotidianità, invece, la Giuliano propone la più radicale negazione immettendo stilemi e segnali di immagini enigmatiche, simboli provocatoriamente allusivi, situazioni vissute nel Koma dei sogni e frequentabili solo per virtù d'arte.
Di qui il recupero di una nuova, aperta dimensione dell'Universale, visto però attraverso la disgregante ironia del simbolo dove tutto diventa rituale collettivo che si svolge in qualche mitico angolo della nostra mente, ancora magicamente inesplorata, o in incombenti memorie di immagini ormai incredute, afferrabili appunto nella loro simbolica icasticità.
Nelle opere visionate, tali simboli si dichiarano tali senza infingimenti, e senza illusioni che non siano quelle dell'arte e dei suoi rituali. E se i richiami sono palesi alla grande, inaccessibile, mostruosa commedia umana, essi si esplicano e si estrinsecano nelle dimensioni teatrali, appunto, del rito e dell'emblema, della maschera e dell'irrealtà che non sono né figurali né astratte, ma soltanto ambigue e illusorie, così come ambiguo e illusorio non può che essere il linguaggio irretito dal fascino delle molteplici verità e delle loro infinite contraddizioni.
Pittura simbolisti, quella della Giuliano, fortunatamente non strapazzata dalla pigrizia dell'ovvietà, ma costruita e impreziosita da una elegante ed ordinata architettura, senza aggrovigli amenti per sottrarre l'immagine al peso lieve dei sogni, anche di quelli psicologici; una pittura, come detto, che riguarda una irrealtà che si struttura fortemente, che si costruisce per virtù d'arte nel mondo in cui in "reale", o ciò che così definiamo, si dissolve sotto l'urto di una fantasia plastica che nega il plasticismo fantastico del tanto mal compreso ed equivocato
Torna ai contenuti